Lettera d'amore all'Italia | Love letter to Italy



Questo post è nato dalla riflessione che ho fatto dopo aver visto una serie Tv su #RaiPLay (che sono sicura molti di voi conoscono già). La serie Tv si chiama "Caro Marziano" fatta da PIF, un bravissimo giornalista italiano, siciliano, che parla della cultura italiana e degli italiani in giro per il mondo. E' una serie Tv di qualche anno fa ma vi consiglio davvero di guardarla perché è molto interessante sia dal punto di vista della lingua che dei contenuti.


This post was born from the reflection I made after watching a TV series on Raiplay (which I’m sure many of you already know). The TV series is called "Caro Marziano" made by #PIF, a talented Italian journalist, Sicilian, who talks about Italian culture and Italians around the world. It’s a TV series from a few years ago, but I really recommend that you watch it because it’s very interesting both in terms of language and content.


Ho guardato due episodi su delle donne che si sono traferite a New York chiamato "Italiane a New York". I due episodi sono abbastanza simili perché raccontano la storia di 6 donne che hanno cambiato completamente la loro vita per andare a vivere nella Grande Mela, chi più giovane, chi meno giovane. Le donne del primo gruppo però hanno qualcosa che non mi è piaciuto molto e vi spiego perchè.


I watched two episodes about women who moved to New York called "Italian women in New York". The two episodes are quite similar because they tell the story of 6 women who have completely changed their lives to go live in the Big Apple, who younger, who older. The women of the first group, however, have something that I did not like very much and I'll explain why.


Want to read more?

Go ahead to my Patreon profile for the full article and the translation to practice your understanding of Italian

11 visualizzazioni0 commenti